Torrente Sant'Antonio - Comuni vicini
Fiumi Italiani
Risorsa gratuita vers.BETA 1.0
  Torrente Sant'Antonio
  Comuni Vicini
Torrente Sant'Antonio visualizza mappa  

   Torrente Sant'Antonio Comuni vicini
Ricerca effettuata tra le distanze delle coordinate dei comuni
nel raggio approssimativo di 10 Km lineari, e sono stati trovati 8 comuni
Sant'Angelo In Vado distanza approssimativa in linea d'aria: 0.8 Km
 provincia di Pesaro e Urbino regione Marche

Sant'Angelo In Vado antica città romana chiamata Tiphernum Mataurense , Sant'Angelo in Vado è ubicata nella valle del fiume Metauro lungo la strada che porta al valico di Bocca Trabaria. La definizione In Vado deriva dal guado lungo il fiume Metauro che si poteva attraversare a piedi o a cavallo. Dalla metà del XIV secolo finì sotto il controllo del ducato di Urbino quando il duca Federico sposò
Piandimeleto distanza approssimativa in linea d'aria: 6.28 Km
 provincia di Pesaro e Urbino regione Marche

Piandimeleto Antico Planus Mileti, Pian di Meleto sorge su un'altipiano dell'alta valle del Foglia. Nel territorio comunale sorge un castello concesso in feudo dal papa Gregorio IX ai conti Oliva che lo controllarono fino all'estinzione della casata, metà del XVI sec., per quindi ritornare sotto il controllo della chiesa. L'abitato è dominato dal palazzo fortificato che sorge sui resti di
Mercatello Sul Metauro distanza approssimativa in linea d'aria: 6.75 Km
 provincia di Pesaro e Urbino regione Marche

Mercatello Sul Metauro il paese è situato nell'alta valle del Metauro ed è di origine Etrusca. Chiamato così perché acquistò il ruolo di piccolo mercato dei tronchi d'abete. Nel XIII secolo si costituì il centro abitato Mercatello è ricco di monumenti: l'antica Collegiata, la romanica chiesa di S. Francesco, le chiese di S. Chiara, S. Croce e S. Maria del Metauro, il monastero delle Cappuccine,
Lunano distanza approssimativa in linea d'aria: 7.16 Km
 provincia di Pesaro e Urbino regione Marche

Lunano anticamente il paese di Lunano era popolato da uomini liberi per poi essere assogettato al dominio dei Brancaleoni per poi passare nel 1424 sotto il controllo dei Montefeltro.I monumenti da visitare sono: la parrocchiale dei SS. Cosma e Damiano. (sec.XIX), l'antico castello e il convento di Monte Illuminato. Le industrie di Lunano si occupano soprattutto di mobili.
Belforte all'Isauro distanza approssimativa in linea d'aria: 7.21 Km
 provincia di Pesaro e Urbino regione Marche

Belforte all'Isauro ubicato sulle rive del fiume Foglia, alla quota di 364 ml sul l.m., Belforte all'Isauro ha origini databili tra il VI ed il VII secolo d.C. Coinvolto nei secoli nelle lotte tra le potenti famiglie e più volte distrutto, il paese ebbe il suo massimo sviluppo sotto il controllo dei Montefeltro che incaricarono l'architetto Francesco di Giorgio Martino della sua riedificazione.
Apecchio distanza approssimativa in linea d'aria: 7.79 Km
 provincia di Pesaro e Urbino regione Marche

Il comune di Apecchio, 103 chilometri quadrati di territorio comunale con poco più di duemila abitanti, il settimo per estensione sui sessantasette della provincia di Pesaro-Urbino, a cavallo tra Marche, Umbria e Toscana, distese immense di boschi, prati, rivoli di acque cristalline, oligominerali e sulfuree, un clima salubre, fresco d'estate e asciutto d'inverno, si passa da un'altezza sul
Peglio distanza approssimativa in linea d'aria: 8.2 Km
 provincia di Pesaro e Urbino regione Marche

Peglio paese edificato sopra uno sperone di gessite alla quota di 534 m. s.l.m. Chiamato Vicus Pilleus nel periodo romano, venne donato alla chiesa quando Pipino il Breve donò la Massa Trabaria a S.Pietro. Dopo alterne vicissitudini, il papa Bonifacio IX concesse il territorio di Peglio ai Montefeltro e successivamente tornò alla Santa Sede con la devoluzione del Ducato di Urbino. Gli edifici
Urbania distanza approssimativa in linea d'aria: 9.71 Km
 provincia di Pesaro e Urbino regione Marche

Urbania città che sorge sulla riva del fiume Metauro, nata nel periodo medioevale e conosciuta con il nome di Castel delle Ripe. Fù teatro della guerra tra Guelfi e Ghibellini e fù distrutta nel 1277 dal ghibellino Galasso da Montefeltro. Ricostruita nel 1284 dal legato papale Guglielmo Durante che trasferì l'abitato dalla collina alla pianura e lo difese con la costruzione di un castello.