Rio Capodacqua
Fiumi Italiani
Risorsa gratuita vers.BETA 1.0
  Rio Capodacqua

  Torrenti - Rio Capodacqua carta d'identità
Nasce, in Comune di Spigno Saturnia (Lt), dall'estrema propagine sud-est dei Monti Aurunci, che con la cima del vicinissimo Monte Petrella raggiungono i 1533 m di altezza. Il corso si snoda attraverso tre comuni (Spigno S., Minturno e Formia). A circa metà del percorso, in Comune di Minturno, è situata la ramificazione dell'antichissimo canale artificiale detto “Canale Carafa”, che consentiva la derivazione di parte dell'acqua per la produzione di forza motrice, sfruttata anticamente da varie attività site nel centro storico di Scauri (Minturno), in contiguità con l'attuale Parco suburbano di Gianola e Monte di Scauri. Questo canale artificiale è stato rappresentato nelle cartografie come Rio Capodacqua, mentre il corso naturale del rio, a valle della ramificazione, prosegue verso Formia con un nome diverso dal tratto a monte e cioè come Torrente Santa Croce. Un caso più unico che raro di corso d'acqua con un doppio nome: “Rio Capodacqua – Santa Croce”, forse derivante dalla prevalente importanza economica della ramificazione artificiale sita in Minturno, rispetto all'andamento dello stesso alveo naturale che proseguiva verso Formia o forse da un banale errore dei cartografi. La portata della sorgente perenne (portata media 1.100 l/sec. e temperatura 12,5 °C, fonte: Quaderno serie Studi e Ricerche del Parco regionale suburbano di Gianola e Monte di Scauri) ne ha fatto nei millenni un corso d'acqua molto importante per l'economia del territorio, sin dai tempi dei Romani, che ne utilizzavano l'acqua per alimentare il maestoso Acquedotto Vespasiano ancora visibile per vari tratti in Comune di Minturno anche presso l'area archeologica di Minturnae. La vegetazione ripariale è piuttosto ricca e di antico insediamento per almeno i primi due terzi della lunghezza del corso ed ospita una fauna volatile e terricola interessante (usignolo di fiume, martin pescatore, gallinella d'acqua, istrici e tassi), purtroppo la fauna ittica (anticamente a trota macrostigma) è stata alquanto compromessa dall'eccessiva captazione idrica alla sorgente per l'uso potabile che fino ad oggi non ha tenuto conto del rilascio del deflusso minimo vitale (DMV) previsto dalla normativa italiana ed internazionale. In ogni caso, le sue acque in ragione delle naturali caratteristiche sono state classificate ai sensi della normativa vigente, per oltre metà del percorso, di tipo salmonicolo. Per coloro che fossero interessati ad approfondire la conoscenza dei problemi ambientali del Rio Capodacqua - Santa Croce si consiglia di visitare il sito www.riocapodacqua.it .

Dati gografici statistici su Rio Capodacqua
Stati bagnati: Italia

Regioni bagnate: Lazio

Lunghezza in kilometri: (km) 10 km
Portata metri cubi secondo: (m³/s) 1,1